L’ULTIMO SCUGNIZZO


Dettaglio eventi

Evento finito il 13 gennaio 2018


Una produzione TeatroTrianon Viviani

 

“Con me che recito gli spettatori potranno rivivere le grandi emozioni che ci dà Viviani: emozioni autentiche, genuine, non addolcite in modo mieloso dal buonismo”. Nino D’Angelo sulla scena non impersona Antonio Esposito: è “Ntonio Esposito”, dimostrando di essere veramente “L’ultimo scugnizzo”, il figlio del popolo che riesce a diventare “segretario” dell’avvocato famoso, il quale ha una sua storia affettiva con una Signora del suo vicolo, ed una volta “accettato” come segretario riuscirà a salvaguardare gli affari di questa famiglia, a dimostrare la sua onestà, nonostante la sofferenza per la sua vera storia, quella del figlio che sta per nascere a Luisella, che si conclude in tragedia.

La commedia, in tre atti, è la storia dello scugnizzo Antonio Esposito, che tenta di superare la propria condizione di vita precaria. Con un espediente e un ricatto riesce a sistemarsi come segretario di un avvocato, facendosi apprezzare per la sua arte di arrangiarsi e la conoscenza del codice appresa dalla strada. Il finale a sorpresa rimette tutto in discussione. L’ultimo scugnizzo debuttò al Piccinni di Bari il 16 dicembre 1932, proponendo i temi, scomodi per il fascismo, della miseria e dell’emarginazione. Fu, quindi, rappresentato l’anno dopo a Napoli (al Fiorentini) e poi a Milano, dove Viviani ebbe la sua definitiva consacrazione. Raffaele Viviani interpretava il ruolo dello scugnizzo, mentre la sorella Luisella era ‘Nnarella, prossima suocera di ‘Ntonio.

 

di Raffaele Viviani

con Nino D’Angelo

e con Antoine,Salvatore Benitozzi, Tonia Carbone, Vittorio Ciorcalo, Marcello Cozzolino, Antonio De Francesco, Tiziana De Giacomo, Sonia De Rosa, Raffaele Esposito, Laura Lazzari, Marianna Liguori, Matteo Mauriello, Gennaro Monti, Gina Perna, Mena Steffen e Maria Rosaria Virgili

costumi Mariagrazia Nicotra

movimenti coreografici Enzo Castaldo

consulenza musicale Ciro Cascino

foto di scena Fabio Donato

regia di Tato Russo

ottobre 13th, 2017 by