gennaio 2nd, 1998 by Vittorio De Vito_inplatea

Il teatro “Il Primo” nasce nel 1998 per un esigenza comune a molti. Nasce per merito della passione e della caparbietà di alcune persone che di teatro già ne masticavano parecchio da anni. L’attuale Direttore Artistico del Primo, Arnolfo Petri e il Direttore Organizzativo Rosario Ferro, sono gli artefici che con molto coraggio e una buona dose di incoscienza, hanno regalato uno spicchio di vita in più, inaugurando il teatro nell’ ottobre del 1998. Si sperava, in tal modo, di dare voce a Napoli e alla sua cultura anche in quella zona della città che non aveva mai posseduto, fino ad allora, un teatro. Il Vomero alto, che viene definito così, perché più in alto del Vomero centro, aveva finalmente il suo teatro. Un bacino di utenza che ormai sentiva di avere una parte importante nell’economia culturale della città.

 

D’altra parte si sentiva anche l’esigenza di dotare la stessa città di un teatro di piccole dimensioni che nei suoi spazi ristretti, desse modo agli spazi della fantasia, di allargarsi sempre più con momenti di teatro di alta qualità. E fu per questo che i fondatori del Primo, sentirono loro queste esigenze; soprattutto quella di portare la formazione teatrale attraverso l’Accademia di giovani allievi, e a chi ne sentisse il richiamo, di dare una mano alla scoperta di potenzialità attorali nascoste. Da quella inaugurazione dell’ottobre ’98 dove si esibì una grande Anna Mazzamauro, è passato molto tempo, e oggi il teatro ha acquistato una padronanza e un suo solido spazio nel panorama dei cartelloni stagionali. E’ così che, con vanto, Il Primo, ha annoverato tra i suoi nomi illustri, attori come Ugo Pagliai, Paola Gassman, Ottavia Piccolo, Marina Malfatti, Atina Cenci, Lucia Poli, Miranda Martino, Aldo Giuffrè, Paola Pitagora e tanti altri. Così come il teatro dialettale napoletano è stato ampiamente rappresentato da artisti come Bianca Sollazzo, Nuccia Fumo, Antonio Allocca, Leo Frasso, Corrado Taranto, Dalia Frediani, Lucia Cassini, Antonio Casagrande ecc. E’ sede, come si diceva, di un Accademia teatrale e di due Compagnie Stabili, quali quella dell’Accademia e la Stabile del Primo. Entrambe, con successo, hanno portato avanti un discorso di innovazione e tradizione che ha arricchito il bagaglio professionale della direzione. Comico e drammatico sono alla base della formazione degli allievi, che si cimentano in saggi di alto valore drammaturgico. Oggi Il Primo riceve attestazioni di affetto dal suo pubblico e da quello che normalmente si fermava ai paludati teatri della città. Ha consolidato la sua posizione di affidabile spazio culturale e formativo, ma soprattutto ha dato la possibilità alla città di avere una valida alternativa negli impervi sentieri della comunicazione.

COME RAGGIUNGERCI

Metropolitana Collinare
Stazione Colli Aminei, percorrere Viale Colli Aminei e all’altezza di Via Nicolardi girare a destra.

Autobus
Dal centro: linea R4
Dalla Stazione Centrale: linea C40
Dal Vomero: linee C39 o C41 e poi linea R4.

Tangenziale
Uscita Zona Ospedaliera direzione Viale Colli Aminei.

Radiotaxi
Radiotaxi Napoli Tel 081 556 44 44
Radiotaxi Partenope Tel 081 556 02 02.

 

Il primo

Viale del capricorno 4 – colli aminei

Tel.0815921898(ore 10.00/13.00-16.00/19.30)

www.teatroilprimo.it

Posted in teatro il primo Tagged with: , , , , ,

aprile 1st, 1996 by Vittorio De Vito_inplatea

 

Nelle sale che dagli anni ’30 fino alla metà degli anni ’80 aveva ospitato il Cinema Italnapoli, nel 1996 nasce il teatro Tasso, grazie al lavoro di Giampiero Notarangelo, che guida dal 1985 la cooperativa Theatron.

Il cinema Italnapoli aveva chiuso i battenti nella prima metà degli anni Ottanta, e, come canto del cigno, aveva avuto l’onore di ospitare nientedimeno che Jack Lemmon e Marcello Mastroianni, che lì dentro girarono, diretti dal grande Ettore Scola, alcune scene del film “maccheroni”.

Dopo due anni di lavori molto difficili ed impegnativi, nel febbraio 1996, Notarangelo può salire per la prima volta sul palcoscenico che ha fatto costruire egli stesso; lo spettacolo inaugurale è “Il matrimonio di pulcinella” che l’attore-regista ha ripreso da testi dell’antica tradizione del teatro delle marionette e della Commedia dell’arte.

Nel corso delle varie stagioni hanno calcato le scene molti attori di grande rilievo come Anna Magnani evocata in scena da Caterina Costantini che veste i panni della grande collega in un toccante “Omaggio a anna Magnani”, Matteo de Filippo, nipote di Eduardo, Nando Paone.

Posted in teatro tasso Tagged with: ,