bellini e dintorni

Il nuovo Bellini fu inaugurato nel 1878 con i “Puritani e i cavalieri” di Vincenzo Bellini, destinando il teatro alla lirica. Il sipario di scena raffigurante lo scoglio delle sirene era stato dipinto da Pasquale Di Criscito e Giovanni Ponticelli, il soffitto, andato del tutto perduto, raffigurava una sorta di apoteosi di Vincenzo Bellini con gruppi di puttini in un cielo aperto che reggevano gli stemmi di Napoli e di Catania, fu decorato da Vincenzo Paliotti, che al giovanissimo Vincenzo Migliaro si debbono il ritratto a olio di Bellini che fa bella mostra di sé retto da due figure alate al centro dell’arcoscenico e le decorazioni floreali a tempera. Se qualcosa è andato perso, molto si è salvato alle ingiurie del tempo anche grazie agli accuratissimi restauri voluti nella operazione che ha portato, nel 1988 alla riapertura del Teatro Bellini. Quel che è certo che ciò che faceva arricciare il naso a tanti critici oggi fa sgranare gli occhi ai molti spettatori che concordano pienamente con il detto: “‘o San Carlo p” a grandezza ‘o Bellini p”a bellezza”. Il più bello dei teatri napoletani, tale infatti il Bellini era stato per molti anni, prima destinato alle rappresentazioni liriche, poi, quando la sua programmazione fu ampliata, ospitando spettacoli di prosa, di operetta, e via via di teatro dialettale fino al 1915, quando fu dotato di uno schermo per le proiezioni cinematografiche. Nella esaustiva ricerca cronologica curata da Renato Lori in occasione della riapertura del Bellini ritroveremo le tracce di centinaia di spettacoli, di titoli magnifici, di attori leggendari, beniamini del pubblico napoletano e italiano, che hanno calcato le scene del Bellini. Nel maggio del 1963, il Bellini sembrò definitivamente destinato a scomparire. Diventò rapidamente un sudicio cinema di infima visione. I suoi palchetti che avevano ospitato la migliore nobiltà e la ricca borghesia napoletana si videro trasformati, grazie alla compiacente e remunerata distrazione del personale di sorveglianza, in accoglienti rifugi per il piacere furtivo e trasgressivo di qualche coppietta in cerca di intimità. Fu poi Tato Russo che colse l’occasione per sottrarre il Bellini ad una sicura distruzione, facendone la sede del suo teatro e della sua compagnia. In poco più di un anno, superando difficoltà tecniche, organizzative ed economiche, riuscì a riportare l’edificio all’antico splendore e, con la messa in scena dell’”Opera da tra soldi” di Bertolt Brecht, nell’autunno del 1988, il Bellini fu ancora una volta un teatro….

nei pressi della centralissima piazza Dante nel cuore antico della città e precisamente alla via conte di Ruvo .Per arrivarci se si viene dalle autostrade scegliere le uscite della tangenziale “Capodimonte” o “Doganella. E’ raggiungibile dal centro e da ogni parte della città facilmente, con i pullman che stazionano in piazza Dante,con la Metropolitana (fermata piazza Cavour),con la Cumana (fermata Montesanto),con la Funicoolare (fermata Montesanto). Per chi venisse da fuori e desiderasse permanere in città si consigliano gli alberghi più vicini Oriente-Jolly-Toledo. Presso tutti gli alberghi cittadini è possibile trovare depliants illustativi della attività del Teatro.

 

Come raggiungere il teatro:

  • Funicolare Montesanto:Stazione di Montesanto (percorrere Via Tarsia e P.zza Dante)
  • Metronapoli:Linea 1 (collinare)Stazione Museo (percorrere Via S. Maria di Costantinopoli)

    Stazione Dante (percorrere Via Pessina)

    Linea 2

    Stazione di Montesanto (percorrere Via Tarsia e P.zza Dante)

    Stazione di Piazza Cavour (percorrere Via S. Maria di Costantinopoli)

  • Ferrovia Cumana:Stazione di Montesanto (percorrere Via Tarsia e P.zza Dante)
  • Autolinee Urbane:Zona Centro: E1, 24, 178, 201 – Zona Vomero: R1, R4, C57, 47
  • Autolinee Urbane Notturne:Zona Centro: 404D, 435D, 449
  • Autolinee Suburbane:Zona Marano e Chiaiano: C64, 161Zona Secondigliano: 137

    Zona Giugliano: 160

    Zona Mugnano: 160R

  • Autolinee Suburbane Notturne:Zona Marano e Giugliano: 460
  • Tangenziale:Napoli, Uscita Capodimonte

Parcheggi Custoditi (nei pressi del Teatro):

  • Garage Via CostantinopoliVia Costantinopoli
  • Garage Via BelliniGarage Via Bellini
  • Garage LoriVia Avvocata P.zza Dante
  • Garage MangioneVia S. Potito (Via S. Monica, angolo Salvator Rosa)

RadioTaxi:

  • Co. Ta. Na Napoli
    Tel. +39 081 5707070

Prenotazione Taxi:

  • In occasione degli spettacoli è organizzato un servizio Prenotazione Taxi, funziona durante l’intervallo e va richiesto alla maschera al piano.

 

E-Mail:

Tel.: +39 0815491266

Fax: +39 0815499656

Indirizzo: via Conte di Ruvo 14-Napoli (80100)-Italia

calcola il percorso

 

Per informazioni:

Il Botteghino del teatro è aperto fino al 30 luglio e riapre il 29 agosto. Orario: 10,30-13,30/17-20; sabato 10,30-14.
Domenica chiuso; – Tel. 0815499688

Prenotazioni gruppi: Sig.ra Annalisa Gastaldello
Tel. 0815491266 | Fax 0815499656 | E-mail direzione@teatrobellini.it

Prenotazioni scuole: Sig.ra Stefania Cuomo
Tel./Fax 0815562524 | E-mail edo.service@virgilio.it

febbraio 17th, 1878 by